LINGUE EMERGENTI

Lenguas Emergentes • Langues Émergeantes • Emerging Languages    

Le notizie giuste delle/sulle "Lingue Emergenti", scritte dai protagonisti degli eventi, per EMERGERE DAL MARE DELLA GLOBALIZZAZIONE.
Sito di notizie, informazioni, interviste sulle lingue che non si rassegnano a scomparire sotto il peso delle lingue internazionali e degli stati.

Home > FURLAN > Suns Europe 2020, dai 22/8 ai 19/9 in Friûl il dirit ae diversitât si fâs (...)

Suns Europe 2020, dai 22/8 ai 19/9 in Friûl il dirit ae diversitât si fâs sintî, scoltâ e cjalâ

sabato 22 agosto 2020, di MARCO STOLFO

Suns Europe al torne, si presente cuntune muse un tic diferente e al manten, rinfuarçantlu ancjemò di plui, il so spirt furlan e internazionâl. La edizion di chest an dal festival european des arts intes lenghis di minorance, inmaneât de cooperative Informazione Friulana, la cjase editore di Radio Onde Furlane, cul jutori finanziari de Regjon Friûl-VJ e de ARLeF (Agjenzie Regjonâl pe Lenghe Furlane), cu la poie dal Comun di Udin e dal Etxepare Euskal Institutua dal Paîs Basc, cu la colaborazion di diviersis altris entitâts furlanis e europeanis e cul patrocini dal Consei de Europe e dal NPLD (Network to Promote Linguistic Diversity), si stramude intune rassegne estive.



A ben che cun modalitâts in part diferentis, la manifestazion che dal 2015 e puarte la Europe in Friûl e il Friûl in Europe, e davuelzarà ancje chest an il so compit di promotôr di valôrs e dirits fondamentâi e di osservatori e di vetrine di esperiencis artistichis e creativis, caraterizadis dal ûs des lenghis minorizadis intai setôrs de musiche, de leterature e dal audiovisîf.


Il cambi di stagjon (par solit il festival al ven fat dongje de fin dal an) nol è l’unic element di novitât di Suns Europe 2020. Cun di fat inte sezion musicâl nol è previodût nissun concors. Cundut achel, tra musiche, cine e leterature, ancje chest an al sarà cetant – e cetant bon – ce scoltâ, ce sintî, ce viodi, ce cjalâ e ce lei. Tacant de serade di sabide 22 di Avost fintremai al ultin apontament dai 19 di Setembar, al sarà un mês di sunôrs, di visions, di peraulis, di storiis, di personis e di progjets, espressions vivis e vivarosis di chê Europe unide e plurâl, che e domande a fuart il rispiet dal dirit ae lenghe e dal dirit ae diversitât.

Il program al vignarà screât usgnot, sabide ai 22 di Avost, cun Suns Friûl, vetrine de produzion musicâl contemporanie tes lenghis “altris” dal Friûl. Sul palc di Place Venerio a Udin, tacant di nûf di sere, Corte di Lunas, Alvise Nodale, Dissociative TV e Brût & Madone a mostraran cemût che la lenghe furlane e pues vignî doprade in maniere une vore interessante adun cui lengaçs dal epic folk, de cjançon di autôr, dal punk rock e dal metal core, intant che i Ostajki a presentaran il lôr repertori par sloven in balance tra folk, rock e psichedelie. La serade e vignarà vuidade di Raffaele Serafini e di Serena Fogolini de ostarie letararie virtuâl Contecurte.

La setemane che e ven si tornarà a tacâ cul cine. L’apontament al è par sabide ai 29 a nûf e un cuart di sere a Udin in Zardin Grant, te aree verde “Loris Fortuna” (in câs di ploie l’apontament si cjatisi dal Visionario), cu la proiezion di “O que arde”, il biel film par galizian di Oliver Laxe, che l’an passât al à vuadagnât diviers ricognossiments impuartantons, tacant dal premi de critiche inte sezion “Un certain regard” dal festival di Cannes.

Al sarà spazi ancje pe leterature e pe storie. Sabide ai 29 a sîs e un cuart sot sere a Udin, lì de librarie Friuli, e sarà la prime presentazion in assolût intal Stât talian di “Guillem”, il libri de gjornaliste catalane Núria Cadenes che al conte la storie di Guillem Agulló i Salvador, zovin sportîf, militant antifassist e indipendentist, che al è stât sassinât di un trop di fassiscj ai 11 di Avrîl dal 1993 a Montanejos, tal Paîs Valenzian. Lunis ai 31 a vot e mieze di sere, a Murùs inte place dal Comun, il storic basc Joseba Asiron e il scritôr furlan Angelo Floramo a saran protagoniscj dal dialic in cuatri lenghis (furlan, basc, talian e spagnûl) dal titul “Conquista! Storiis resistentis tra Navare e Friûl”.

Par ce che al tocje la musiche, la serade che sù par jù e corispuint cun chês che vie pes edizions passadis di Suns Europe a vevin clamât dongje un public calorôs e numerôs li dal Teatri gnûf “Zuan di Udin”, si fasarà ai 30 di Avost intal plaçâl dal Cjistiel di Udin, là che si podarà gjoldi des esibizions de cjantante ladine Martina Iori cul so grup, de rapper basche la Basu, des rockers galesis Adwaith, dai sarts Bujumannu & Jumbo dal innomenât grup reggae Train To Roots e dal progjet furlan di esportazion di Laura Giavon & Drumlando. “Mestri di cerimonie” de serade il rapper cjargnel Doro Gjat.
Vie pal mês di Setembar a saran ancjemò events di musiche e di leterature jenfri Friûl di Mieç, Cjargne e Gurizan, cui concierts de catalane Joana Gomila a Lavarian sabide ai 5 e a Dartigne domenie ai 6 e dal basc Paxkal Irigoyen ai 13 a Romans dal Lusinç e po cul event speciâl dedicât ae Ocitanie, al Friûl e ae Europe che si fasarà a Trave sabide ai 19.

Ducj i apontaments a son a jentrade libare e sore nuie, cu la ecezion de proiezion di "O que arde”, che e je a paiament.
Pal conciert dai 30 di Avost in Cjistiel, par vê garantît il puest in sigurece e in salût, e covente fate la prenotazion midiant dal sît www.sunseurope.com, là che si cjatin ancjemò altris informazions in cont dal festival e dai siei protagoniscj, compagn che su la pagjine Facebook de manifestazion.
Pe serade di Suns Friûl no son plui puescj za di un pâr di dîs.


Suns Europe 2020, dal 22/8 al 19/9 in Friuli il diritto alla diversità si fa sentire, ascoltare e guardare




Suns Europe ritorna, si trasforma parzialmente e mantiene, rafforzandolo ancora di più, il suo spirito friulano ed internazionale. L’edizione di quest’anno del festival europeo delle arti nelle lingue di minoranza, organizzato da Informazione Friulana (la società editrice di Radio Onde Furlane) con il sostegno finanziario della Regione, dell’ARLeF (Agjenzie Regjonâl pe Lenghe Furlane), con il supporto del Comune di Udine e dell’Etxepare Euskal Institutua, con la collaborazione di diverse altre entità friulane ed europee e con il patrocinio del Consiglio d’Europe e del NPLD (Network to Promote Linguistic Diversity) si trasforma in una rassegna estiva.

Seppur con modalità in parte differenti, la manifestazione che dal 2015 porta l’Europa in Friuli e il Friuli in Europa, assolverà anche quest’anno al suo compito di promotore di valori e diritti fondamentali e di osservatorio e vetrina di esperienze artistiche e creative, caratterizzate dall’utilizzo delle lingue minorizzate nei settori della musica, della letteratura e dell’audiovisivo.

Il cambio di stagione (abitualmente il festival è organizzato verso la fine dell’anno) non è l’unico elemento di novità che caratterizza Suns Europe 2020. Nella sezione musicale, infatti, non è previsto nessun concorso. Ciò non toglie che, tra musica, cinema e letteratura, anche quest’anno ci sarà tanto (e tanto di buono) da ascoltare, da sentire, da vedere, da guardare e da leggere.
A partire dalla serata di sabato 22 agosto e sino all’ultimo appuntamento del 19 settembre, sarà più o meno un mese di suoni, visioni, parole, storie, persone e progetti, che sono espressione viva e vivace di quell’Europa unita e plurale, che rivendica con determinazione il rispetto del diritto alla lingua e del diritto alla diversità.

Il programma sarà inaugurato questa sera, sabato 22 agosto, con Suns Friûl, vetrina della produzione musicale contemporanea nelle lingue “altre” del Friûl. Sul palco di piazza Venerio a Udin/Udine, con inizio alle 21, Corte di Lunas, Alvise Nodale, Dissociative TV e Brût & Madone mostreranno come la lingua friulana possa essere utilizzata in modo molto interessante ed efficace insieme ai linguaggi dell’epic folk, della canzone d’autore, del punk rock e del metal core, mentre gli Ostajki presenteranno il loro repertorio in sloveno in equilibrio tra folk, rock e psichedelia. La serata sarà condotta da Raffaele Serafini e Serena Fogolini dell’osteria letteraria virtuale Contecurte.

La prossima settimana si ricomincia con il cinema. L’appuntamento è par sabato 29 alle 21.15 a Udin/Udine in piazza Primo Maggio, nell’area verde “Loris Fortuna” (in caso di pioggia ci si sposta al Visionario), con la proiezione di “O que arde”, il bel film in galiziano di Oliver Laxe, che l’anno scorso ha ricevuto numerosi riconoscimenti di grande importanza a partire dal premio della critica nella sezione “Un certain regard” del festival di Cannes.

Ci sarà spazio anche per la letteratura e per la storia. Sabato 29 alle 18.15, alla libreria Friuli, è prevista la prima presentazione in assoluto nello Stato italiano di “Guillem”, il libri della gjornalista catalana Núria Cadenes dedicato alle vicende di Guillem Agulló i Salvador, giovane sportivo, militante antifascista e indipendentista, assassinato da un gruppo di fascisti l’11 aprile 1993 a Montanejos, tal Paese Valenziano. Lunedì 31 alle 20.30 a Murùs/Moruzzo inte place dal Comun, lo storico basco Joseba Asiron e lo scrittore friulano Angelo Floramo saranno protagonisti del dialogo in quattro lingue (friulano, basco, italiano e spagnolo) dal titolo “Conquista! Storiis resistentis tra Navare e Friûl”.

Per quanto attiene alla musica, la serata corrispondente a quelle che nelle edizioni passate di Suns Europe chiamavano a raccolta un pubblico caloroso e numeroso al Teatro nuovo “Giovanni da Udine”, avrà luogo il 30 agosto nel piazzale del Castello di Udine, dove sarà possibile apprezzare le esibizioni della cantante ladina Martina Iori con il suo gruppo, della rapper basca La Basu, delle rockers gallesi Adwaith, dei sardi Bujumannu & Jumbo del noto gruppo reggae Train to Roots e del progetto friulano da esportazione di Laura Giavon & Drumlando. “Maestro di cerimonia” il rapper friulano Doro Gjat.

In settembre ci saranno ancora eventi di musica e letteratura, diffusi tra Medio Friuli, Carnia e Goriziano, con i concerti della catalana Joana Gomila a Lavarian/Lavariano sabato 5 e a Dartigne/Artegna domenica 6 e del basco Paxkal Irigoyen sabato 13 a Romans dal Lusinç/Romans d’Isonzo e infine con l’evento speciale dedicato all’Occitania, al Friuli e all’Europa in programma a Trave/Trava sabato 19.

Tutti gli appuntamenti sono ad ingresso libero e gratuito, ad eccezione della proiezione di "O que arde”, per la quale è previsto un biglietto.
Per il concerto del 30 agosto sul colle del Castello di Udine, per garantirsi il posto in sicurezza e in salute, è necessario prenotarsi attraverso il sito www.sunseurope.com, dove è possibile trovare anche altre informazioni sul festival e sui suoi protagonisti, come sulla pagina Facebook della manifestazione.
La serata di Suns Friûl ha registrato il tutto esaurito già due giorni fa.