LINGUE EMERGENTI

Lenguas Emergentes • Langues Émergeantes • Emerging Languages    

Le notizie giuste delle/sulle "Lingue Emergenti", scritte dai protagonisti degli eventi, per EMERGERE DAL MARE DELLA GLOBALIZZAZIONE.
Sito di notizie, informazioni, interviste sulle lingue che non si rassegnano a scomparire sotto il peso delle lingue internazionali e degli stati.

Home > TABARCHIN > U Giurnole Raddiu tabarchin

U Giurnole Raddiu tabarchin

domenica 31 maggio 2020, di MARIA CARLA SICILIANO

U GR tabarchin u l’è stetu inserìu inta prugramasiun de Raddiu San Pé (raddiu lucole che a l’è ativa da 37 anni in sciû nóstru teritóriu) intu màize de nuvembre du 2019.
U GR tabarchin u l’è nasciüu cumme ‘na spécce de giurnole raddiu, a cadensa setimanole, da düota de chinze menüti e u l’ha u scóppu de intrò inte chè di Tabarchin du Pàize in móddu direttu, cunfidensiòle, próppiu grassie à l’üzu da nóstra lengua, u tabarchin, che a l’è a stéssa che niotri parlémmu quande se’ncuntrémmu pai caruggi, inte bütéghe e che a ne fa sentì ciü in intimitè.
A redasiun de Raddiu San Pé, tràmite u só respunsabile u Silverio D’Arco, quande a m’ha prupóstu de fò u GR, a l’ha lasciàu che mi esprimésse in tutole libertè a me creativitè e che organizésse e nütissie intu móddu che me piâxàiva de ciü.
Cuscì, fiña dau prinsippiu ho pensàu de svilüpò u GR inte sta mainéa:
• Cuntò ‘na piciña crónaca da stória tabarchiña e quòrche cuîzitè in scî persunaggi e i feti pasè
• Nütissie de quéllu che l’è capitàu au Pàize inta setemaña apeña pasò
• Nütissie regiunoli, nasiûnoli e mundioli de riliévu
• Avizi de manifestasuin pübbliche da nóstra sitadiña, ôrari e scadense de pübblica ütilitè
• Móddi de di, puverbi antighi cuntè da l’uxe di nóstri ansiòni
• U tempu.
A sigla de l’inissiu e da fin a l’è a müxica de ‘na cansun da nóstra tradisiun.
U linguaggiu üzàu u l’è semplice e natürole, che chiunque pö acapì anche perché a l’è próppiu a lengua a vésse semplice e pócu cumplicò. Certu che anche u tabarchin, cumme tütte e lengue vive u sübisce in prucessu de evulusiun, ma e pàule nöe serchémmu delungu de “tabarchinizòiai”.Dapö gh’è anche ‘n’atenta riserca de vucàbuli e de móddi de dì antighi, che nu s’aregurdòvan ciü, ma che se recùpere e se inserìscian inti descursci muderni, cu’in efettu inmüggiu apresàu da tante gente che ai tùrnan à sentì in guentéa e ai tùrnan à dövio quande pòrlan.
U fetu che u GR tabarchin, pói, u vegne difüzu anche in sce fb (pàgina fb de Raddiu San Pé) u l’ha móddu d’arivò â zuentù, de superò i cunfin da nóstra Uìza e ragiùnge i Tabarchin in tanti pósti du mundu che sèntan cun piâxài, afettu e nustalgìa a lengua di só genituì, di só nónni, di só bezòi. Se sémmu anche acórti che à tante gente, anche se nu en zenàixi o tabarchin, che piòxe sentì a prunùnsia di diversci dialétti e a müxicalitè da parlota e anche stechì dan di paréri inmüggiu belli e incuragianti che ne sprùgnan à ‘nò avnti. À stu riguòrdu, me piòxe dì che inte serte edisuin s’émmu arivè à 1500 vizualizasuin.
Inte l’ürtimu màize u GR tabarchin u s’è arichìu de in spassiu ch’u cuinvólge diretamente i cuxin tabarchin de Câdesédda che st’annu festéggian i 250 anni de fundasiun. Inte stu móddu s’è ösciüu fò sentì l’uxe de in’otra cumpunente da tabarchinitè. L’è bellu sentì anche a só prunùnsia perché s’ha móddu d’ apresò e due varianti da màixima lengua: quélla de Carlufórte e quélla de Câdesédda.


Vedi in Internet : GR tabarchin / ed. 10.5.2020


Il Giornale Radio tabarchino
Il GR tabarchino è stato inserito nel palinsesto di Radio S.Pietro, emittente locale attiva da 37 anni sul nostro territorio, nel mese di novembre del 2019
Il GR tabarchino nasce come una sorta di giornale radio, a cadenza settimanale, della durata di circa quindici minuti e ha lo scopo di entrare nelle case dei Carlofortini in modo diretto, amichevole, quasi confidenziale, grazie a l’uso della lingua, il tabarchino appunto, che è la stessa che tutti noi parliamo quando ci incontriamo per la strada, nei negozi e che ci fa sentire più in intimità.
Lo staff di Radio San Pietro, tramite il suo responsabile Silverio d’Arco, nel propormi il GR, ha lasciato che io potessi esprimere liberamente la mia creatività e che organizzassi le notizie nel modo a me più congeniale.
Così fin dal principio io ho pensato di sviluppare il GR nel seguente modo:
• Narrazione di una breve cronaca della storia tabarchina e curiosità su personaggi, vicende del passato
• Notizie degli avvenimenti successi a Carloforte durante la settimana appena trascorsa
• Notizie importanti regionali, nazionali e mondiali
• Avvisi riguardanti eventi pubblici della nostra cittadina, orari e scadenze di pubblica utilità
• Modi di dire, proverbi antichi esposti dalle voci delle perone più anziane di Carloforte
• Il tempo
La sigla introduttiva e finale è la musica di una canzone della tradizione di Carloforte
Il linguaggio usato è semplice, molto naturale, di facile comprensione per chiunque stia all’ascolto perché semplice e poco retorica è la nostra lingua. No si può negare che il tabarchino, come tutte le lingue vive, subisca l’evoluzione del tempo, ma i vocaboli nuovi vengono “tabarchinizzati” e introdotti naturalmente nella parlata corrente. C’è anche un’ attenta ricerca ed un recupero di parole e di modi di dire antichi, dei quali si era persa la memoria e, che inseriti nei discorsi più moderni, sono molto d’effetto ed apprezzati da tante persone che li riascoltano molto volentieri e cercano di reintrodurli nel liguaggio corrente.
Il fatto che il GR tabarchino, poi, sia anche trasmesso sui social, (pagina fb di Radio San Pietro) fa sì che raggiunga i ragazzi, che superi i confini della nostra Isola e arrivi ai numerosissimi Tabarchini in tutte le parti del mondo che ascoltano con vero trasporto, tanta nostalgia e affetto la lingua dei loro genitori, nonni e bisnonni. Ci siamo, inoltre, resi conto che tante persone, pur non essendo né liguri ne tabarchini, amano ascoltare i diversi dialetti, la loro pronuncia, la musicalità della parlata ed anche costoro esprimono pareri molto lusinghieri e incoraggianti che ci stimolano fortemente a proseguire. A questo proposito, mi piace dire che, in alcune edizioni, abbiamo raggiunto anche le 1500 visualizzazioni.
Nell’ultimo mese il GR tabarchino si è arricchito di una finestra che coinvolge direttamente i nostri cugini tabarchini di Calasetta che quest’anno festeggiano il loro 250° della fodazione. In questo modo si è voluto dar spazio e voce a un’altra componente della tabarchinità. È bello ascoltare anche la loro pronuncia perché si ha l’opportunità di apprezzare le due varianti della medesima lingua, il tabarchino di Carloforte e quello di Calasetta.