LINGUE EMERGENTI

Lenguas Emergentes • Langues Émergeantes • Emerging Languages    

Le notizie giuste delle/sulle "Lingue Emergenti", scritte dai protagonisti degli eventi, per EMERGERE DAL MARE DELLA GLOBALIZZAZIONE.
Sito di notizie, informazioni, interviste sulle lingue che non si rassegnano a scomparire sotto il peso delle lingue internazionali e degli stati.

Home > OCCITAN > Entrevista a Gianna Bianco, traductritz en occitan alpin de Lo (...)

Entrevista a Gianna Bianco, traductritz en occitan alpin de Lo Principet

de Diegu Corràine

lunedì 13 luglio 2020, di GIANNA BIANCO

Quora as-tu tacat aver la passion per la traduccion?
La lhi a mai que vint ans que, abo mon associacion Chambra d’Òc, trabalho per portar e mostrar la lenga occitana sal territòri escrivent diccionaris, libres técnics per adults e pichòts, e abo de traduccions d’istòrias e de chançonetas.

Adòbres-tu una tia nòrma d’escrichura o una nòrma generala?
Me siervo de la normalizacion, facha dal 1998 al 2001, nòrma an aquela ai trabalhat decò mi abo un grop de linguistas.

La lenga que parles ei-la tant diferenta de la nòrma d’escrichura?
Segur que lhi a de diferenças dal moment qu’es una grafia etimològica, totun lhi a de convencions d’escrichura e lectura que donon totas las possibilitats.

Tròbes-tu de dificultats a l’aplicar?
Mi tròbo ren de gròssas dificultats a l’aplicar, masque qualqui bòts quand l’etimologia de la paraula es ren segura o per de formas que son normalas dins lo parlat mas complicaas da rénder dins un escrich corrèct.

Qualas son las experienças qu’as fach dins la traduccion?
Coma disiu lhi a mai que vint ans que fau de traduccions mas coma libre n’ai fach un solet L’òme que plantava d’àrbols, de J. Giono, trabalh qu’ai fach abo Dario Anghilante e que m’a ben apassionat.

Dins la traduccion de Lo Principet as-tu agut de dificultats particularas?
E òc. La traduccion de Lo Principet es estaa complicaa, dal moment que já lo libre es ren pròpi simple e sobretot ai agut de problémas a rénder de formas interrogativas e a cerchar d’adobrar lhi pronoms clítics, típics de la forma orala, sensa far devenir lo tèxt tròp pesant.

As-tu trabalhat soleta o en collaboracion abo d’autri expèrts?
Aqueste bòt ai trabalhat soleta mas per de problèmas particulars ai demandat l’ajua de qualque linguista dal grop.

Aquesta desfida, çò que a representat per tu?
La traduccion de Lo Principet a volgut dire me butar en juec dins un’òbra famosa, m’a demandat de despassar las mias incertitudas, e perqué pas, a fach salhir decò la paor de ren èsser bòna.

Çò que prepauses-tu a qui se vòl avesinar a la traduccion dins nòstras lengas emergentas?
Prepauso de s’avesinar a la traduccion abo la vuelha de donar un gròs messatge: nòstras lengas, las lengas que en general son mai oralas, son ren lengas per parlar masque de montanhas, de bèstias, de peschaires o de tradicions. Elas tanben pòlon far tot, pòlon parlar de sentiments, de concèpts complicats e prigonds. La traduccion dona importança a nòstras lengas, lor dona una valor diferenta e ajua a las far conóisser e divulgar. Mas sobretot prepauso de pas se descoratjar e de se prene tot lo temp necessari.

As-tu de novèls projècts? As-tu de novèls libres da realizar?
Ent’aqueste moment ai ren de gròs projècts, e ai pas encara idèa se me butarei dins un’autra traduccion, ai totun una fòrta vuelha d’escriure de còntas, en occitan naturalament.


Intervista a Gianna Bianco, traduttrice in occitano alpino di LO PRINCIPET.
di Diegu Corràine

Quando hai cominciato a coltivare la passione della traduzione in occitano?
Da più di vent’anni, con l’associazione Chambra d’Òc, mi occupo della diffusione e dell’insegnamento della lingua occitana sul territorio, scrivendo manuali per adulti e bambini, dizionari e traducendo storie e filastrocche.

Usi una norma scritta tua o segui una norma generale?
Uso la norma generale, realizzata tra il 1998 e il 2001, a cui ho lavorato io stessa con il gruppo di linguisti che se ne è occupato.

C’è molta differenza tra la tua parlata e la norma scritta?
Sicuramente ci sono delle differenze essendo una grafia etimologica, tuttavia ci sono convenzioni di scrittura e lettura che permettono di ritrovarsi.

Trovi difficoltà ad applicarla?
Non trovo particolari difficoltà ad applicarla se non per alcuni casi in cui l’etimologia è dubbia o per forme linguistiche orali difficili da riportare in forma scritta corretta.

Che esperienze hai maturato finora, nella traduzione?
Come dicevo, sono più di vent’anni che mi occupo di tradurre ma come libri ho tradotto soltanto L’uomo che piantava gli alberi, di J. Giono, con Dario Anghilante, lavoro che mi ha appassionata molto.

La traduzione de Il Piccolo Principe ha presentato particolari difficoltà?
Sì, decisamente. La traduzione de Il Piccolo Principe è stata complicata, essendo già un libro impegnativo di per sé e soprattutto le difficoltà sono emerse nella resa di alcune forme interrogative e per un uso non troppo pesante dei pronomi clitici tipici della forma orale.

Hai lavorato da sola o in collaborazione con altri esperti?
Questa volta ho lavorato da sola ma per alcune particolarità mi sono consultata con qualche linguista del gruppo.

Che cosa ha rappresentato per te questa sfida?
La traduzione de Il Piccolo Principe ha significato mettermi in gioco in un’opera famosa, superare incertezze e, perché no, ha fatto venire a galla anche la paura di non essere all’altezza.

Che cosa suggerisci a chi si vuole avvicinare alla traduzione nelle nostre lingue emergenti?
Suggerisco di avvicinarsi alla traduzione con il desiderio di far passare innanzitutto un grande messaggio: anche le lingue considerate in prevalenza orali, usate nella quotidianità, non sono solo adatte a parlare di montagna, di animali, di pescatori o di tradizioni. Alle nostre lingue tutto è possibile, possono esprimere sentimenti, concetti profondi e complicati. Sicuramente la traduzione eleva le lingue emergenti, dà loro un valore diverso e contribuisce alla loro conoscenza e divulgazione. E soprattutto suggerisco di non scoraggiarsi e di prendersi tutto il tempo necessario.

Che nuovi progetti hai? Hai già nuovi libri da realizzare?
In questo momento non ho grossi progetti, non ho ancora pensato ad altre traduzioni da realizzare ma ho voglia di scrivere dei racconti, in occitano naturalmente.